Questo sito utilizza cookie per migliorarne i contenuti. Se vuoi saperne di più clicca sul link privacy. Se accedi a qualunque elemento del sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.

  • Stampa

Master Rapid SKF CBL fa 13 medaglie alla Venice Cup !

La Master Rapid SKf CBL brilla alla Venice Cup 2016, in una manifestazione giunta alla 25^ edizione che ha registrato la presenza di 2300 atleti presenti in rappresentanza di quasi 300 Club provenienti da . 13 i tatami disposti sui due Palasport attigui. Questi i risultati: 4 Medaglie d’Oro: Manuel Pe (Kata Under 21), Pendoli Aurora, Seghezzi Mattia e Alice Cavrioli 2 Medaglie d’Argento: Giulio Sembinelli e Manuel Pe (Senior). 7 Medaglie di Bronzo: Andrea Ceresoli, Luigi Baronchelli, Squadra Kata Senior (Visinoni Julian, Franco Sacristani e Manuel Pe), doppio bronzo per Andrea Pelamatti (wkf Cadets e Esordienti B),  Letizia Carè e Anna Ghirelli. Bene anche Daniele Leoni che cede 3 a 2 per il bronzo contro il nazionale svedese (supera atleti molto quotati prima della finale per il bronzo dimostrando che sta tornando in forma ed è in crescita), così come Mariolini Thomas, Panteghini Sabrina 5' (Medaglia di legno). Grandi soddisfazioni nel kata venerdì per le tre finali disputate, due nell'individuale ed una a squadre. Poi sabato nel kumite 4 Medaglie grazie a Carè Letizia, Ghirelli Anna e la doppia medaglia di Pelamatti Andrea. Gara superlativa per Manuel Pe Medaglia d'Argento nei Senior che cede per 4 a 1 solo nella finalissima contro il quotato Carbonel (Spagna) e Giulio Sembinelli che supera avversari italiani e stranieri agguerriti come il campione inglese e spagnolo in finale di poule grazie ad un Gankaku strappa applausi e poi cede per 3 a 2 nella finalissima nonostante una prova solida che lascia più di qualche rammarico per una valutazione arbitrale dubbia a favore del campione belga. Soddisfazioni anche a squadre di kata, gara difficile per le tante rappresentative straniere nel quale vince la Spagna seguita dall' Iran mentre bronzo proprio la Master Rapid SKF CBL (Sacristani Franco, Visinoni Julian e Manuel Pe, squadra ben rodata già campioni italiani giovanili nel 2014) che superano il Piemonte e la pur forte Liguria mostrando Kata solidi ed un Bunkai che fa la differenza. Andrea Pelamatti è apparso in grande spolvero e solo per due piccole distrazioni non accede alla finalissima che avrebbe strameritato perdendo a 2 secondi dalla fine nei wkf Cadets e in maniera rocambolesca in finale di poule negli Eso B ma andandosi a conquistare due bronzi con autorevolezza. Benissimo la Campionessa Italiana Letizia Carè così come Anna Ghirelli che legittima la sua crescita costante con il podio. Ma la giornata più fruttuosa è stata quella di domenica 6 novembre con la conquista di ben 4 medaglie d’oro e di 2 bronzi di prestigio. A confermare tutto il proprio valore prendendosi la rivincita dei Campionati Italiani e due medaglie di bronzo “un po’ strette” Aurora Pendoli e Mattia Seghezzi che dominano in maniera netta la propria categoria. Alice Cavrioli vince nella cat. kata in carrozzina ed infine Manuel Pe è protagonista di un altro autentico capolavoro dimostrando che l’argento del Venerdì e la finalissima disputata contro l’atleta blasonato a livello internazionale Calderon (compagno di squadra della Spagna di Quintero) non era stato un caso. Manuel Pe vince 6 incontri tutti al cardiopalma ed il più difficile, quello nella finalissima contro il nazionale della Repubblica Ceca non lascia nessuna macchia sulla sua impresa e finisce 5 a 0 per il ragazzo di Pian Camuno. Impresa importante anche quella di Aurora Pendoli che posta avanti di un rurno da sorteggio supera la siciliana Sarcia Corinne, la lombarda Sara Silini (riprendendosi la rivincita del campionato italiano) per poi superare nella finalissima la piemontese Campi Rebecca. Seghezzi Mattia invece supera il nazionale ucraino Yanovskyy Davyd poi al secondo turno il pugliese Salvatore Bamundo del Team Fiore, al terzo turno il laziale Federico Rondinella (mizar center) e nella finalissima il campano Antonio Menella, tutti gli incontri sempre per 3 a 0.